BuildingSmartItalia
  1. BuildingSmartItalia
  2. Articoli
  3. chi è BSI,
    Building Smart Italia
BSI - Building Smart Italia

chi è BSI,
Building Smart Italia

Short Menu


Chi è buildingSMART Italia
Building Smart Italia è l’associazione indipendente nata per contribuire alla innovazione e alla competitività del Paese promuovendo lo sviluppo di pratiche innovative nel comparto edilizio, dando voce alle diverse componenti del settore e  garantendo l’aggancio con gli scenari internazionali.
Fondata nel 2004, quando l’attualità di questi temi in Italia era soltanto l’intuizione di alcuni esperti, l’associazione viene ora rilanciata sulla base di una ampia condivisione della rilevanza strategica della sua azione, che promuove la digitalizzazione (il “passaggio al BIM”) della filiera delle costruzioni attraverso l’adozione degli standard aperti promossi da BuildingSmart International. Questo significa promuovere l’interoperabilità sia come presupposto tecnico per la condivisione dei dati, sia come attitudine alla integrazione e cooperazione tra i molti soggetti che intervengono nella filiera dell’edilizia attraverso l’intero ciclo di vita delle costruzioni.

Building Smart Italia riunisce quindi tutti i diversi soggetti (committenti, progettisti, imprese di costruzione, produttori, case di software, gestori, università e centri di ricerca…) che intervengono nella filiera, proponendosi come luogo di dialogo aperto e collaborativo al fine di individuare e facilitare sia le azioni necessarie per rimuovere gli ostacoli che ritardano l’innovazione, sia le azioni che possono invece incentivare l’adozione di procedure e strumenti più avanzati.

Come è noto, la continua espansione dell’impiego degli strumenti digitali in edilizia è una realtà consolidata in molti Paesi,  tanto che l’adozione di questi strumenti è per le aziende italiane una condizione necessaria per la competitività. Il ruolo di raccordo con BuildingSmart International consente a BuildingSmart Italia sia di avere un osservatorio ai massimi livelli sull’andamento dell’innovazione digitale sul mercato globale, sia l’adozione di adeguati standard di qualità, in un settore che altrimenti potrebbe essere esposto a forti diseconomie anche per la carenza di una informazione indipendente e fondata.

Sulla base di queste ragioni, BuildingSmart Italia ha elaborato una Roadmap italiana, analoga a quelle già prodotte in altri Paesi, che sarà ulteriormente e continuamente elaborata dagli aderenti dell’associazione, e vuol essere un contributo alle decisioni strategiche per il Paese.


Chi è buildingSMART international

BuildingSMART international è l’associazione internazionale che si prefigge lo scopo di guidare la trasformazione dell’ambiente costruito mediante la creazione e l’adozione di standard aperti e validi in tutto il mondo, che consentano la diffusione dell’open BIM. Essa pertanto offre un luogo di incontro dove coloro che condividono gli obiettivi e i propositi di diffusione dell’open BIM possono unirsi insieme per il co-sviluppo e l’attuazione delle necessarie norme internazionali. L’associazione è una non profit e dunque non dispone di fondi propri per eseguire progetti indipendenti: i progetti sono perciò co-sviluppati con i membri di tutte le categorie.

I membri – che sono tenuti a svolgere un ruolo attivo nell’individuazione e soprattutto nella risoluzione dei problemi che ostacolano l’uso del BIM, rallentandone la diffusione – beneficiano delle attività collettive di altri membri sia a livello locale che internazionale.

Lo scopo principale di buildingSMART international è quello di standardizzare processi, flussi di lavoro e procedure BIM e ciò grazie proprio alla rete internazionale creata, che permette di interloquire con i governi di tutto il mondo e con i principali attori del settore, mantenendo sempre un ruolo neutrale. Nel perseguire ciò, buildingSMART possiede già una consolidata conoscenza su:

  • la metodologia per descrivere I processi;
  • i modelli di dati per il trasporto delle informazioni
  • la mappatura standardizzata dei termini
  • la metodologia e tecnologia per trasformare i requisiti di processo in requisiti tecnici.

Chi può trarre vantaggio da questa standardizzazione di processi BIM?

  • i proprietari, i progettisti e i facility manager, perché l’efficienza nella trasmissione di informazioni permette notevoli risparmi economici;
  • le case software, perché potranno già trovarsi pronti in vista di una standardizzazione delle procedure che diventerà strutturale e che contribuirà ad un incremento della richiesta da parte del mercato;
  • gli enti e le società di formazione perché hanno accesso ad una rete che permette di conoscere lo stato dell’arte in materia, consolidando ed ampliando il bagaglio di nozioni che è necessario trasmettere, dal punto di vista formativo, alle nuove leve;
  • le imprese di costruzione, i produttori di materiali e componenti edilizi, le autorità, i manutentori e gli operatori del settore in genere, perché i loro processi di lavoro saranno razionalizzati e resi efficienti;
  • tutti nella società, perché usano l’ambiente costruito per viverci.

Il Consiglio Direttico di buildingSMART Italia

  • Presidente (di diritto): Prof. Stefano Della Torre, Politecnico di Milano
  • Tesoriere: Ing. Marco Perazzi, Unicmi
  • Coordinatore Tecnico e Delegato per i Rapporti Internazionali: Prof. Angelo Ciribini, Università di Brescia
  • Consigliere: Arch. Lorenzo Bellicini, Cresme
  • Consigliere: Arch. Luigi Cesca, Cimolai
  • Consigliere: Ing. Federico Sablone, Italferr

Lo statuto di buildingSMART Italia

Statuto bSI


I contatti:
  • Indirizzo: c/o Dipartimento ABC – Via G. Ponzio 31, 20133 Milano
  • Email: segreteria@buildingsmartitalia.org